Ora, mentre tutti parlano di virus, pandemie e problemi economici io voglio parlarti un pò di margarina e di quanto è importante comunicare coi clienti anche sotto le bombe…

Quando la margarina fu inventata come sostituto del burro e qualcuno iniziò a produrla si trovò subito davanti a un bel problema di marketing: il colore.

L’erba che mangiano le mucche tende a far avere al latte una leggera tonalità di giallo, quando diventa burro. La margarina invece, essendo a base vegetale aveva un colore chiaro, bianchiccio e assomigliava al lardo; molta gente non lo trovava appetitoso e lo rifiutava immediatamente.

No alt text provided for this image

Così i produttori decisero di colorare di giallo la margarina.

L’industria casearia aveva visto giustamente la margarina come una minaccia e fece pressione sui politici per metterla completamente fuori legge o per impedire che venisse colorata per farla sembrare burro. 

Questo spinse il governo federale americano a imporre una tassa molto alta sul prodotto e molti stati, specialmente quelli che producevano formaggio, fecero diventare la colorazione della margarina illegale.

Le manifatture di margarina avrebbero dovuto vendere la margarina in buste di plastica con una piccola sferetta di colorante che il consumatore doveva impastare per distribuirvi il colore.

Poi scoppiò la II Guerra Mondiale e col tempo, con la diminuzione delle scorte dovuta ai problemi dei produttori con gli approvvigionamenti unita alla pressione di leggi federali e tasse penalizzanti, la popolarità e la domanda della margarina crollarono disperatamente e i produttori si trovarono in grossi guai.

…se però mandiamo avanti veloce e arriviamo al dopo guerra, verso il 1955, vediamo che le vendite di margarina superano di moltissimo quelle del burro.

Come hanno fatto i produttori di margarina a superare la crisi e soprattutto le enormi difficoltà date dalle leggi ma soprattutto dalla guerra?

Semplicemente non hanno mai smesso di comunicare coi clienti. 

No alt text provided for this image

Negli Stati Uniti e in quasi ogni città di tutta Europa, i produttori di margarina benché fossero effettivamente impossibilitati a consegnare il prodotto e in ogni caso la domanda sarebbe stata molto bassa, sono stati praticamente gli unici tra tutte le aziende a investire le poche risorse rimaste in manifesti pubblicitari che venivano puntualmente rinnovati ogni volta che le intemperie, i bombardamenti o il passare del tempo li rovinavano.

Una volta tornata la pace le persone non volevano altro che tornare a vivere e a fare una vita normale, e con l’immagine e il ricordo della margarina ben in testa non fecero altro che togliersi finalmente la voglia.

Alla fine l’Associazione Nazionale delle Manifatture di Margarina arrivò ad avere abbastanza potere da competere con le associazioni casearie, molte delle quali messe in ginocchio e spazzate via dalla guerra.

Nel 1955 il presidente Truman fu obbligato a mettere fine all’oppressione verso la margarina e le vendite superarono immediatamente quelle del burro.

Comunicare coi clienti è la miglior difesa sempre.

Ecco perché ti ho parlato di margarina. Questo è il mio contributo al discutere preoccupato di questi giorni.

Sono stati tempi un pò così così, lo so: Molte aziende sono state in sofferenza, hanno avuto problemi coi fornitori, coi clienti, con le esportazioni e le importazioni, ma adesso è tornato il tempo di riaccendere i motori e riguadagnare il terreno perduto, e per farlo servono strumenti, in ottimo stato e la comunicazione è fondamentale per urlare a tutti che siamo di nuovo in pista e che siamo rimasti dove ci hanno lasciati.

Non sapendo assolutamente nulla della tua azienda non ho grandi soluzioni o consigli da darti, tolto quello di stare vicino ai tuoi clienti ora più che mai, se ne hai la possibilità, come cerco di fare io.

Non smettere mai di comunicare coii clienti, mantieni il dialogo, proponi nuovi servizi e inventati offerte strepitose, rimboccati le maniche che non è vero che tutte le persone sono spaventate e poco propense a investire sia per loro stesse che per le loro aziende.

Ogni fase di instabilità e insicurezza è seguita da una fase di voglia di riscatto, di rilancio e ripartenza. E quella fase è ora.

Se credi di aver bisogno di aiuto per escogitare un modo migliore della concorrenza per comunicare coi clienti e affermare con forza l’unicità del tuo brand o della tua attività, clicca QUI, facciamoci una chiacchierata e valutiamo insieme se siamo compatibili per lavorare insieme alla tua prossima campagna pubblicitaria.

Call Now Button